martedì 29 giugno 2010

IN PIAZZA CON LA C.G.I.L.


Finanziaria 2010: venerdì 2 luglio sciopero e manifestazione C.G.I.L. a Cuneo



RITROVO ORE 14.30 PIAZZA EUROPA


 
La manovra finanziaria proposta dal governo è inadeguata sia per far fronte all’emergenza della spesa pubblica sia nel rilanciare l’economia e il lavoro, sia nel far fronte all’emergenza sociale (disoccupazione, redditi, consumi) sempre più allarmante.

La manovra taglia oltre 12 miliardi a Enti Locali e Regioni: questo implicherà meno servizi sociali per i cittadini o aumento delle tariffe per usufruirne nonché la riduzione di unità del personale e il licenziamento di 40.000 precari di Comuni, Provincie e Regioni.

Per rispettare questa manovra i Comuni non hanno altro modo se non tagliare le spese: secondo stime ANCI Cuneo sarà costretta a risparmiare 8 milioni e 670 mila euro nel 2011 e l’anno successivo dovrà spendere ancor meno, con un patto di stabilità sempre più stretto, che impedisce ogni sorta di “welfare” da parte dell’Ente Locale.

Le spese per la sanità verranno ridotte di circa 1,5 miliardi nel biennio.

Un intervento sui conti pubblici con una riduzione della spesa e del debito è necessario di fronte all’attacco speculativo che i mercati finanziari hanno portato all’euro e ai titoli del debito pubblico dei paesi europei più indebitati come l’Italia.
Ma questo non può essere l’unico strumento della politica economica italiana ed europea.
Il governo italiano ha la pesante responsabilità di aver per tanti mesi sottovalutato la crisi, di aver diffuso inutile ottimismo, di aver affidato le speranze di uscita dalla crisi nella ripresa dell’economia mondiale.
Con misure come lo scudo fiscale e la cancellazione della tracciabilità dei pagamenti il governo ha contribuito alla crescita dell’evasione fiscale.
La manovra finanziaria  da una parte propone mere operazioni di marketing come le minime riduzioni degli stipendi dei membri del Governo, dall’altra è caratterizzata dai tagli ai servizi dei cittadini e dalla salvaguardia dei privilegi degli speculatori e dei detentori dei
redditi più alti.
In questa situazione di emergenza economica ridurre la spesa pubblica è possibile, ma intervenendo sulle spese sbagliate come la spesa militare, le grandi opere (come il ponte sullo stretto di Messina ela TAV), gli sprechi.
Servono investimenti nel rilancio dell’economia: nelle energie pulite, nell’innovazione, nella ricerca.

Per questo motivo è importante partecipare alla manifestazione del 2 luglio a Cuneo si terrà una manifestazione  indetta dalla CGIL contro la "manovra finanziaria" .
E' davvero importante partecipare e farsi sentire, questa volta più che mai!!!
E' davvero importante che i Comunisti siano presenti alla manifestazione!

RITROVO ORE 14.30 PIAZZA EUROPA (CUNEO)

Nessun commento: